Crea sito

Categorie Articoli

Fan Phenomena e il fenomeno Austen in Italia

Bisticcio cercato quello del titolo del post di oggi, il cui argomento ruota ovviamente sempre attorno al recente trend di ammirazione che vede protagonista la scrittrice inglese Jane Austen.
Prenderò l’argomento ‘alla lontana’, come si suol dire.

Scriveva Jane Austen, alla sorella Cassandra, nel ricevere la prima copia edita di Orgoglio e Pregiudizio alcune parole rimaste famose:

I want to tell you that I have got my own darling Child from London […]

9781783204472Bene o male con lo stesso spirito ho felicemente ricevuto una copia inedita del volume Fan Phenomena: Jane Austen, edito dalla prof.ssa Gabrielle Malcolm [blog] e pubblicato da Intellect Books Ltd...

continua a leggere
Immagine tratta dal blog http://ledonnenonsannoscrivere.blogspot.it

Bicentenario P&P un anno dopo # 1: di contributi editoriali (e non solo)

Non molti giorni fa, esattamente il 28  gennaio scorso, ricorreva il 201° anniversario dalla pubblicazione di Orgoglio e Pregiudizio, uno dei romanzi (austeniani e non solo) più amato e più letto da intere generazioni di lettori. Già dal principio, non avevamo dubbi sul fatto che il 2013 sarebbe stato un anno ricco di interessanti iniziative per tutti gli amanti di JA proprio per questo motivo e, infatti, in occasione del bicentenario, numerosi sono stati gli eventi italiani ed internazionali che hanno reso omaggio a questa magistrale opera letteraria.
Volgendo lo sguardo a ritroso, ritroviamo tutta una serie di iniziative, articoli e pubblicazioni che è necessario ricordare.

Per oggi ci dedicheremo “soltanto” (…vedrete…) a contributi editoriali con alcuni accenni a articoli di gior...

continua a leggere
Miss Austen Regrets writing

Biografia e adattamento filmico. Il caso Jane Austen visto da M. Pennacchia

Come vi avevo promesso nell’ultimo post, eccoci qui a parlare di un altro articolo pubblicato da una studiosa italiana, Maddalena Pennacchia, che tratta della rivisitazioni filmiche della vita di Jane Austen. L’articolo, dal titolo: “Biografia e adattamento filmico, con un caso esemplare: Jane Austen”, è stato pubblicato nel 2009 e, come già tra l’altro vi avevo segnalato, è possibile consultarlo e scaricarlo a questo indirizzo.
Tra l’altro, ieri sera laEffe ha trasmesso alle 20.25 una replica del film Io, Jane Austen (Miss Austen Regrets), quindi quale scusa migliore, per chi ha guardato la replica, che leggersi l’articolo di cui parliamo in questo post?

L’articolo di Pennacchia, prima di affrontare l’analisi degli adattamenti filmici della vita di Jane Austen, dedica gran parte del...

continua a leggere
1455027_532347196855800_2067530422_n

Miss Austen Regrets ovvero, Io, Jane Austen

Domenica sera laEffe ha trasmesso, in replica, il film biografico sulla vita di Jane Austen intitolato “Io, Jane Austen” (titolo originale: Miss Austen Regrets, script di G. Hughes, dir. Jeremy Lovering 2008).
Immagino che per molti di voi non fosse la prima visione in assoluto. Sicuramente alcuni tra i più affezionati avevano già avuto modo di vedere il film in lingua inglese. Altri, magari, avranno già visto le precedenti messe in onda (per laEffe, in particolare, la prima è stata il 22 settembre scorso). Sicuramente, inoltre, molti di voi avranno già avuto occasione di vedere anche l’altro film biografico sulla vita di Jane Austen, ovvero Becoming Jane – il ritratto di una donna contro (titolo orginale: Becoming Jane, dir. Julian Jarrold, 2007)...

continua a leggere

Jane Austen era brutta? Ovvero, anche in Italia ci preoccupiamo del volto di Jane Austen

Ritratti di Jane Austen: a sinistra il ritratto disegnato da Cassandra (1810 ca.) e a destra il ritratto commissionato nel 1870 dal nipote James-Edward Austen-Leigh.

Se siete appassionati di Jane Austen e tenete d’occhio le notizie che vengono pubblicate su di lei, non soltanto sui nostri quotidiani, ma anche e soprattutto all’estero, saprete che, dallo scorso Luglio, JA è diventata la protagonista delle 10 sterline inglesi. A partire dal 2017, infatti, la suddetta banconota cambierà volto: non vedremo più l’immagine di Charles Darwin bensì quella della scrittrice.
Nei giorni scorsi letto un articolo pubblicato sul quotidiano The Guardian nel quale la studiosa austeniana Paula Byrne (e, di recente, anche biografa) lamenta il fatto che il ritratto scelto per rappresentare la Austen non ...

continua a leggere